L’INCIDENTE DI AZTEC ... di Giacomo Casale
Pagina 2 di 2
Seguendo le indicazioni fornite da Scully, Steinman riusci' a individuare la zona del presunto crash: un desertico altipiano roccioso posto a ridosso dell’Hart Canyon, dodici miglia ad est di Aztec. Nel 1948 l'area in questione era intestata a un certo Harold Dunning, proprietario di un ranch e unica presenza umana della zona. Tuttavia, anche negli anni Ottanta, a molti anni dall'accaduto, i tentativi di ottenere informazioni dall’ex ranchman, ormai ottantenne, o dai famigliari di questi, si sono rivelati vani, scontrandosi in un diniego che, secondo Steinman, era la conseguenza del ricordo di pesanti condizionamenti psicologici (e minacce) all’epoca subiti da parte dei militari, dati dall’imposizione del silenzio per "motivi di sicurezza nazionale".
Per ordine del Segretario di Stato, il luogo dove era precipitato l'UFO fu confiscato ai padroni e divenne proprieta' dello Stato: il terreno fu recintato e riempito di cartelli di divieto di accesso per evitare che chiunque vi potesse penetrare. Sul luogo arrivarono tre grandi camion, carichi di ogni tipo di materiale per il recupero, e il gruppo di scienziati, tutti perfettamente istruiti sulla delicatezza della loro missione. Una volta verificato che la nave non emetteva alcuna radiazione pericolosa, si avvicinarono e cominciarono un'accurata analisi della parte esterna.
L'oggetto era rimasto in gran parte integro e giaceva a terra in una posizione un po' inclinata. L'attenzione degli scienziati venne richiamata dal fatto che l'apparato, un disco molto appiattito di circa 30 metri di diametro, dava l'impressione di essere costituito da un solo pezzo, senza giunture di alcun tipo. Presentava oblo' o finestrini formati da un materiale diverso che, pur sembrando metallico, era trasparente. Gli scienziati osservarono attentamente attraverso gli oblo'.
Nella sala principale, in cui si trovavano i pannelli di comando pieni di pulsanti e di oggetti simili ad orologi, si distinguevano perfettamente i corpi di due creature morte, inclinate sui pannelli e apparentemente bruciate o molto scure di carnagione, quantunque non ci fosse fumo da nessuna parte. Di fronte all'impossibilita di penetrare all'interno della nave, in quanto non c'erano porte, e all'impotenza degli strumenti per la saldatura e la perforazione che non riuscivano a trapanare la parte esterna metallica, uno degli scienziati colpi' con un martello di ferro uno degli oblo'. Il finestrino cedette, aprendo un piccolo varco. Nel frattempo, gli altri scienziati avevano continuato a studiare il modo di raggiungere l'interno del disco, osservando minuziosamente attraverso gli oblo' tutti i congegni di comando presenti nella consolle. Uno di essi vide su una delle pareti un pulsante che sembrava un comando per aprire una porta. Costruirono un grosso palo con il ramo di un pino rinvenuto vicino al disco, lo affilarono in punta e lo introdussero lentamente all'interno, fino a schiacciare il pulsante. La porta si apri' e gli scienziati poterono entrare all'interno dell'apparato. Ciascuno aveva un compito ben preciso secondo la loro propria specializzazione. Ad esempio, il dottor Detlev Wulf Bronk, fisiologo e biofisico famoso nel mondo scientifico, si occupo' dell'analisi dei cadaveri. Successivamente, ordino' di prelevarli e di trasportarli fuori dalla nave, per poterli congelare, con le apparecchiature necessarie, al fine di conservarli. I dottori Berkner, Heiland e Hunsakeer, in accordo con la propria specializzazione, esaminarono i pannelli di comando e i piccoli cassetti incastonati nella parete, dai quali, a quanto pare, derivava tutta l'energia propulsiva della nave. L'idea a cui giunsero gli scienziati era che il sistema di propulsione della nave era dovuto ad un certo elettromagnetismo e non aveva niente di simile ai nostri motori. Nelle pareti si vedevano iscrizioni e alcuni pulsanti che si accendevano e spegnevano ritmicamente, cio', evidentemente, indicava che quegli strumenti stessero ancora funzionando. Qualcuno riusci' ad aprire una porticina che conduceva ad una stanza interna, una specie di dormitorio dove gli scienziati ebbero un'altra sorpresa.
Stesi al suolo, gettati su specie di cuccette che uscivano dalla parete, c'erano i cadaveri di 12 piccole creature, di circa 1,2 metri di statura, con la pelle bruciacchiata come i due cadaveri rinvenuti nella cabina di pilotaggio. Il dottor Bronk ordino' immediatamente di trasportarli fuori dalla nave, a terra, dove furono coperti da un telo prima di essere trasportati a Los Alamos. A quel punto il problema che gli scienziati dovevano affrontare era il trasporto del disco, di 30 metri di diametro. Alla fine riuscirono a smantellare la nave: dopo aver analizzato attentamente il velivolo scoprirono alcune strane leve che si trovavano sulla parete a distanze fisse. Una volta mosse alcune di esse si noto' che si apriva una specie di scanalatura che continuava verso il fondo, dalla parte della cabina. Azionando tutte le leve, il disco si smembro' in varie parti. Con estrema attenzione fu caricato su grossi camion e trasportato provvisoriamente alla base militare di Los Alamos, dove venne riassemblato e dove rimase per piu' di un anno. Quando fu ora di andarsene, il professor Bush fece molta attenzione a cancellare ogni indizio sul terreno dove l'UFO si era schiantato. Diede ordine di pulire completamente l'area, cancellando ogni traccia di olio o di grasso e non lasciandovi nemmeno una vite, ne' le orme delle ruote dei camion. Tuttavia, non riusci' a rimettere in piedi i pini sfrondati e gli arbusti sradicati dallo schianto dell'UFO, per cui circondo' l'intero territorio con una rete metallica, che riempi' di cartelli che dicevano esplicitamente "No entry. Federal property".
Una conferma dell’incidente di Aztec sembro' venire da un carteggio relativo ad un incontro-intervista intercorso nel settembre 1950 tra il fisico canadese Wilbert Smith ed il Dr Robert Sarbacher, consulente per il governo USA del Research and Development Board. Alla domanda di Smith se vi era qualcosa di vero nel libro di Scully Sarbacher replico' : ”i fatti ivi riportati sono sostanzialmente corretti”!
Sulla base di questo straordinario documento, Steinman, decise nell’83 di mettersi alla ricerca di Sarbacher. Rintracciatolo presso il Washington Institute of Technology, gli invio' una lettera con una serie di quesiti, cui qualche mese piu' tardi lo studioso rispose.
STEINMAN: Puo' parlarmi della sua personale esperienza relativamente alle operazioni di recupero dei dischi volanti: descrizione dell’oggetto e degli occupanti; luoghi e date degli eventi.
SARBACHER: Non ho mai avuto alcun ruolo diretto con le operazioni in oggetto
STEINMAN:Le chiedo di indicarmi quali delle seguenti persone possano essere state coinvolte nelle operazioni di recupero: Thomas Townsend Brown; Dr Weisberg; Dr RobertKent;Dr Hellmut Schmidt; Dr John Neuman; Dr Werner von Braun; Dr Francis Bitter; Dr Leo GeBauer; Dr Robert Oppenheimer;Dr Eric Wang; Dr Vannevar Bush
SARBACHER: A questo riguardo posso solo dirle: John Neuman fu al cento per cento coinvolto; cosi' pure Vannevar Bush e, penso, Robert Oppenheimer…All’epoca, sebbene in piu' occasioni invitato a partecipare a discussioni sulle risultanze dei ‘recuperi’non ebbi mai modo di parteciparvi. Sono certo che possano essersi rivolti anche a Von Braun…
STEINMAN: Dispone di copie di documenti governativi sul caso di Aztec?
SARBACHER: Ricevetti qualche documento in proposito all’epoca in cui lavoravo presso il Pentagono. Ma ovviamente quei testi non potevano uscire da quella sede…
STEINMAN: Ha mai visionato copie delle foto dei dischi precipitati e degli occupanti?
SARBACHER: No, mai.
STEINMAN: Ha mai visionato, oppure dispone, di copie di rapporti ufficiali su dischi precipitati e occupanti?
SARBACHER: Posso solo rinviarla alla risposta che detti nel corso dell’intervista all’ambasciata canadese…Naturalmente all’epoca ero molto piu' coinvolto sul tema …Ricordo di alcuni rapporti sul materiale dei dischi, risultato estremamente leggero e resistente. Sono certo che i nostri laboratori lo analizzarono con grande interesse Esso era infatti in grado di sopportare le tremende accelerazioni e decelerazioni improvvise di quelle macchine. Ricordo infine distintamente che parlando con alcuni di quei tecnici che eseguivano i test, ebbi l’impressione che questi ‘alieni’ fossero ‘costruiti’ allo stesso modo di certi insetti…sui quali per via della propria bassa massa corporea, l’impatto delle forze inerziali poste in essere da quegli strumenti risulterebbe relativamente basso….

Il luogo del presunto incidente: l’Hart Canyon a Nord di Aztec

Dvd del documentario sull’incidente di Aztec
(Redstar Films)
Recentemente il caso e' stato riportato in auge da un documentario uscito in America nel 2004. "Questo video porta la storia ad un livello pubblico nazionale di discussione", dice Leanne Hathcock, bibliotecaria e fondatrice del simposio annuale UFO sponsorizzato dalla biblioteca di Aztec.
Scott Ramsey del N. Carolina ha condotto, sul presunto crash del marzo 1948 nell’ Hart Canyon a Nord di Aztec, moltissime ore di ricerca e declassificato con successo materiale riguardante l’incidente. “Abbiamo lavorato con fatica cercando di identificare due agenti della sicurezza presenti sul posto, e contemporaneamente tentando di rispettare le famiglie” dice Ramsey. Il New Mexico e gli UFO son diventati sinonimi dal tempo della popolarita' del crash di Roswell del Luglio 1947, ma Aztec sta crescendo per conto suo, a parere di Ramsey e Hathcock. Secondo Ramsey il documentario mette Aztec in luce positiva. Il questore della citta' Jim Rubow concorda, affermando che il film e' stato ben costruito: “ho pensato che era stato fatto con mente aperta. Hanno fatto un bel lavoro, integrando la storia locale e dando una migliore comprensione di tutto cio' che ho visto fino a oggi”.
Il film inizia con uno scorcio sulla Contea di San Juan e lo scenario desertico e il produttore Paul Kimball racconta la storia di Aztec: “Era una serata tranquilla a Nord della zona residenziale della Contea, quando scoppio' un incendio presso un pozzo petrolifero sopra Hart Canyon. Il fuoco porto' alla scoperta di qualcosa di piu' interessante: un UFO schiantato che conteneva corpi inceneriti”. Lo racconta Kimball nella storia che Ramsey cerca continuamente di verificare. e' stato desiderio dei ricercatori di localizzare tutti i testimoni viventi, ma Ramsey dichiara che ne ha perso molti per la loro prematura scomparsa.

Egli ha parlato con certe persone a Cuba circa un ex-residente che puo' esser stato presente nel sito del crash. Egli ha saputo da loro che, nel marzo del ’48, l’ Air Force fece una visita alla piccola cittadina presso cubana. Il Dr. Lincoln La Paz e un alto ufficiale sono venuti a Cuba per investigare su strani avvistamenti, secondo cio' che racconta Ramsey. Dopo pochi giorni di investigazione La Paz ha liquidato la cosa come un evento meteorico ( stelle cadenti –nda ), includendo dei campioni rocciosi che aveva tentato di spacciare ai locali come meteoriti. L’ investigatore, che e' il piu' noto nel documentario, crede che questo fatto possa ricollegarsi ad Aztec.

Questa informazione non ci sara' sul video perche' e' stata scoperta molto di recente.
Cio' che gli spettatori vedranno sara' un miscuglio di ufologi, compreso Stanton Friedman e Nick Redferne e scettici come Karl Pflock.
Ramsey, tuttavia, e' al centro dell’ attenzione, avendo fatto la maggior parte delle ricerche aggiornate su Aztec. “ Egli percorrera' le tracce cartacee e le prove evidenti,” dice la Hathcock, aggiungendo: “Kimball usava dei presentatori per raccontare la storia e darle una base di credibilita'. Mi sembra sia ben fatto, e' un purista quando fa un documentario e lo basa su piu' fatti possibile”.

Ma forse la verita' sull’incidente di Aztec non si sapra' mai
Fonti:
- Frank Scully : “Behind the Flying Saucers”
- Antonio Manera : 1901-2000: un secolo di UFO-crash
- Notiziario UFO N 1 NUOVA SERIE Gennaio '99
- W Steinman/W Stevens : UFO Crash at Aztec, UFO Photo Archives, 1986
-
Aztec 1948 UFO CRASH
Pagina 1 ...